Jacob è mio figlio, ha 8 anni, e ha un sogno: diventare un pilota di Formula 1. Oggi alla guida del suo kart Parolin Racing sta stupendo tutti, e l’impegno che mette per raggiungere il suo obiettivo mi rende davvero orgoglioso.

Al volante con Jacob Moufid

Jacob è mio figlio di 8 anni, è appassionato di motori praticamente da quando è nato, e da qualche mese sta davvero stupendo tutti.
Settimana scorsa, durante gli allenamenti con il suo go-kart targato Parolin, ha tagliato il traguardo a 117 km/h, nuovo record personale di velocità in pista.

Ogni bambino coltiva un sogno nel profondo del cuore: alcuni aspirano a diventare calciatori, altri scienziati, altri ancora astronauti, e poi ci sono bambini come Jacob, che sognano di diventare piloti di Formula 1. Quello che mi rende estremamente orgoglioso di lui non sono tanto i trofei o le medaglie che ha vinto, ma piuttosto la determinazione e l’impegno che mette in ogni singola gara e allenamento per avvicinarsi sempre di più al suo sogno.

Prima di tutto, e come è giusto che sia, oggi per Jacob il go-kart è divertimento allo stato puro. Ogni volta che indossa il casco e sale a bordo del suo kart, gli si illuminano gli occhi.

Negli ultimi mesi però, nonostante la sua giovane età, sta iniziando a capire di avere un grande talento. Eppure, questo talento è solo il punto di partenza di un percorso più ampio e impegnativo.
I più grandi sportivi della storia dimostrano infatti che per trasformare la propria passione in una professione, le doti naturali non sono sufficienti. Dietro il successo di ogni atleta si nascondono sudore, sacrifici e tanto allenamento, e il mio compito come padre è fargli capire che se vuole ottenere qualcosa di grande, il talento non basta.

Per sua fortuna, Jacob non ha solo il sostegno incondizionato della sua famiglia e dei suoi amici, ma può anche contare sull’esperienza inestimabile di Gianluca Beggio, uno dei piloti di kart più leggendari e vincenti della storia. Gianluca, con i suoi cinque titoli mondiali, quattro europei e sei italiani, è diventato quest’anno il nuovo coach di Jacob. Da quando hanno iniziato a lavorare insieme, Jacob ha fatto passi da gigante, migliorando notevolmente le sue abilità e imparando non solo a guidare con maggiore velocità, ma a rimanere concentrato e determinato anche fuori dalla pista.

Il mio sogno più grande per Jacob è che continui a vedere il go-kart come una fonte di gioia incontaminata, ma che impari anche a coltivare e valorizzare il suo talento con serietà e impegno. Spero che possa trovare un equilibrio tra il puro divertimento e la disciplina necessaria per crescere, mantenendo sempre viva quella passione che lo rende così speciale.

Written by : zakariamoufid88@gmail.com